Ida Prati

Ida_Prati

Un breve accenno alla pittrice della famiglia Ida Prati, bis nipote e allieva di Eugenio, nata a Borgo Valsugana nel 1885 da Lorenzo Prati (1842-1899), giudice distrettuale a Borgo Valsugana e da Maria Floriani (1860-1941).

Internata insieme alla madre a Katzenau nel 1916 perché ritenuta politicamente pericolosa dal momento che aderiva alla Lega Nazionale, dopo la guerra si sposa con il dentista dott. Carlo Lachmann e vive a Trento in piazza Silvio Pellico, dove scompare il 26 febbraio 1929 all’età di quarantaquattroanni.

Romualdo Prati ha immortalato entrambi i coniugi Lachmann, Carlo e Ida, in due distinti ritratti ad olio su tela, recentemente apparsi nel 2007 all’asta presso la casa d’asta von Morenberg di Trento.

Ida Prati ci ha lasciato dei pregevoli dipinti ad olio come “Madonna addolorata” eseguito a Katzenau il 29 agosto 1916 e regalato alla cugina Pia Prati a consolazione della morte della madre deceduta per malattia in campo di concentramento; ci sono pervenute altre sue opere interessanti come “La laguna di Venezia”, “Angioletto e l’asino”, “Madonna con bambino”, oltre a numerosi acquerelli.

IdaPrati

Colaborazioni di Alberto Pattini

Per ricevere o dare informazioni scrivere a.pattini@libero.it

Deixe uma resposta

O seu endereço de e-mail não será publicado. Campos obrigatórios são marcados com *

Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.